logo-laminarie-big

08 Aprile 2019

Il Villaggio del Pilastro tra passato e futuro: spazi, società, prospettive

Posted in GLI ANNI INCAUTI, 2019, DOM, LAMINARIE, PILASTRO, SPETTACOLI, INCONTRI PUBBLICI

Il Pilastro giovanni Cristina social

Nell'ambito de GLI ANNI INCAUTI la nuova rassegna di Laminarie per il teatro DOM la cupola del Pilastro il terzo appuntamento è il 12 aprile alle ore 18.00 con Il Villaggio del Pilastro tra passato e futuro: spazi, società, prospettive.

Primo degli incontri dedicati al Pilastro.

A partire dal volume di Giovanni Cristina Il Pilastro. Storia di una periferia nella Bologna del dopoguerra si avvierà un dibattito pubblico a più voci sull’area periferica di Bologna per antonomasia.

Interverranno, oltre all’autore, Luca Gullì- studioso di urbanistica (Ministero dei Beni Culturali), Maria Elena Seu - storica e ricercatrice presso il Cnr-Istituto di Storia dell'Europa Mediterranea (Isem) di Cagliari, Maurizio Sani - urbanista, Bruna Gambarelli - curatrice archivio digitale di comunità del Pilastro.
Appuntamento in collaborazione con la Biblioteca "Luigi Spina" e con pilastrobologna.it - Il blog di chi vive il Pilastro, il blog che raccoglie interviste storie e racconti scritti dagli abitanti del rione.

Giovanni Cristina è attualmente assegnista di ricerca presso il Dipartimento di Scienze della Formazione dell'Università di Catania. Storico contemporaneista e già Marie Curie Fellow presso l'EHESS di Parigi, i suoi interessi di ricerca riguardano le politiche di edilizia pubblica nell'Italia del dopoguerra e i processi di modernizzazione nelle città del Mediterraneo europeo tra '800 e '900.

Luca Gullì ha studiato al Politecnico di Milano e all’Università di Bologna, dove ha conseguito il dottorato in ingegneria edilizia e territoriale. Ha svolto per un decennio attività didattica e di ricerca presso le università di Bologna e Parma, sui temi delle politiche territoriali e abitative. Attualmente è funzionario del Ministero dei beni culturali.

Maurizio Maria Sani, laureato in architettura nel 1972 presso lo IUAV, ha svolto la sua attività professionale nel campo della pianificazione territoriale e urbanistica presso la pubblica amministrazione e nei suoi diversi livelli di governo del territorio. Abita al Pilastro dal 1978 ove svolge tuttora attività di volontariato e di cittadinanza attiva .

Maria Elena Seu è assegnista di ricerca presso l’Istituto di Storia dell’Europa Mediterranea (ISEM) del Consiglio Nazionale delle Ricerche. Collabora ai seguenti progetti: (2017-18→) Migrazioni & Mediterraneo. L’osservatorio Sardegna e i suoi confini liquidi sul fenomeno migratorio dell’area mediterranea nella storia e nell’attualità per comprendere e fornire strumenti culturali utili all’integrazione; (2017-18→) CNR-ISEM/MIPAAFT L’Orto, alimento dell’anima e del corpo. Dall’Hortus monasticus agli orti urbani. Collabora con la cooperativa sociale Arca di Noè presso l’Hub Mattei di Bologna, centro di prima accoglienza di tutta l’Emilia Romagna. E’ socio collaboratore dell’Istituto delle memorie del’900 Parri Emilia Romagna di Bologna dove svolge dal 2012 attività didattica e ricerca storica. I suoi interessi riguardano principalmente le migrazioni nel corso del XIX secolo, con particolare riferimento a quelle dell’Italia del secondo Dopoguerra.

GLI ANNI INCAUTI è un progetto di LAMINARIE
realizzato con il contributo di: Comune di Bologna, Regione Emilia Romagna – Assessorato Cultura, Fondazione Del Monte di Bologna e Ravenna.
Con il sostegno del Quartiere San Donato-San Vitale


INFO
ingresso è libero e gratuito
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. – T 0516242160
Aggiornamenti al programma: domlacupoladelpilastro.it - laminarie.it
La mostra MIDOLLO tra le vertebre del Corviale e del Pilastro sarà visitabile dal 30 marzo al 31 luglio
Come consuetudine di DOM ad ogni appuntamento sarà offerto un piccolo rinfresco
DOM la cupola del Pilastro è in via Panzini 1/1 - Bologna
Si raggiunge con l'autobus n.20 dal centro storico di Bologna. Direzione Pilastro, fermata Panzini. Effettua corse notturne.